Museo Arte Contemporanea

Importante progetto di decorazione sala (che sarà poi la più visitata) presso il celebre Museo di Arte Contemporanea di Rivoli (Torino) per la mostra personale VB52 di Vanessa Beecroft.

Località: Rivoli (Torino)
Settore: museale
Artista: Vanessa Beecroft
Tecnica utilizzata: Affresco Digitale

Giorni progettazione

Giorni posa

Tecniche utilizzate

  • Indice difficoltà progettazione 80%
  • Indice difficoltà posa in opera 70%
  • Ostilità agenti atmosferici 40%

«La scelta espressiva della Beecroft è stata quella di pensare e realizzare performance, utilizzando il corpo di giovani donne più o meno nude, mosse secondo precise coreografie, con opportuni commenti musicali o con il variare delle luci. Ciascuna delle partecipanti deve attenersi a una serie di norme che Beecroft stabilisce prima di ciascuna azione, con l’obiettivo di comporre “quadri viventi”, esponendo in gallerie e musei di arte contemporanea. Beecroft pone al centro della propria riflessione i temi dello sguardo, del desiderio e del mondo della moda.» (fonte: wikipedia)

Vanessa Beecroft

Artista

L’affresco digitale di Demart si è rivelato particolarmente adatto alla nostra location, grazie all’assenza di riflessi. La stanza allestita da Demart è risultata essere quella più gradita al pubblico, facendo registrare il maggior numero di visite.

Direttore, Museo Arte Contemporanea, Rivoli

L’Affresco Digitale è un’innovativa tecnica di decorazione che utilizza immagini elaborate al computer e trasferite su superfici di qualsiasi natura e dimensioni.

L’Affresco Digitale non consiste nell’applicazione di un film, bensì nell’effettivo trasferimento del colore direttamente sulla superficie desiderata. Il risultato sarà quello dell'”effetto affresco”.

Nata per realizzare murales, la tecnica dell’Affresco Digitale ha esteso il suo impiego su svariati materiali come legno, intonaco civile, cemento grezzo, mattoni: la versatilità dell’affresco digitale rende possibile decorare superfici fortemente irregolari, con rugosità e scabrosità fino a 7-8mm, adattandosi a variazioni di piano come volte, angoli e spigoli.

Come funziona

Utilizzando una tecnologia di trasferimento del pigmento, l’immagine speculare viene stampata su carta transfer. La successiva applicazione avviene solo dopo la stesura di uno specifico materiale aggrappante che, penetrando nelle rugosità e porosità, rende i pigmenti cromatici solidali alla superficie. Rimossa la carta transfer si procede al trattamento finale, utile a dare ulteriore protezione all’immagine affrescata.

Guarda le immagini dei nostri lavori

PORTFOLIO

… e contattaci!

Name (requested) eMail (requested)
Phone City / State
Message